Ci prendiamo cura
del tuo sorriso

PREVENZIONE IN GRAVIDANZA

prevenzione carie gravidanza

Igiene e prevenzione dentale in gravidanza
Quando una mamma aspetta un bambino, spesso si emoziona nel vedere attraverso gli esami ecografici, che braccia, mani e gambe del suo piccolo sono già ben conformate. Spesso però non immagina che fin dal 2° mese di gravidanza gli si stanno formando anche i dentini.

Può una scorretta igiene orale avere effetto sulla gravidanza?
Numerose prove scientifiche evidenziano un possibile legame tra malattie gengivali della madre e rischio di nascite premature e sottopeso del bimbo. Le donne con malattie gengivali in gravidanza possono essere maggiormente predisposte a mettere al mondo un bambino sotto peso o nato prematuramente.
La maggior parte degli studi clinici, da quelli condotti a partire dal 1996 da Bobetsis, Barros e Offenbacher, ai più recenti dell’American Academy of Periodontology, indica una correlazione positiva tra malattia parodontale e parto prematuro, confermandone altresì la plausibilità biologica attraverso evidenze microbiologiche e immunologiche che ne rinforzano ulteriormente l’associazione.

Che cosa succede alle gengive durante la gravidanza?
Una donna in gravidanza presenta alte concentrazioni di ormoni estroprogestinici nel sangue, i quali agiscono sulle mucose uterine e sulle fibre muscolari affinché si modifichino e si adattino ad accogliere il feto che aumenta rapidamente le sue dimensioni.
Questo diverso assetto ormonale agisce non solo sulle mucose uterine, ma anche sulle mucose del cavo orale rendendo le gengive più vulnerabili alla placca.
Tra il 2° e il 3° mese di gravidanza i cambiamenti che avvengono a livello delle gengive comprendono la presenza, tra il 35 e il 100% delle donne, della cosiddetta gengivite gravidica: le gengive divengono molto sensibili e basta una quantità minima di batteri a determinare gengiviti che, se trascurate, possono portare a lesioni infiammatorie delle mucose più importanti.

In assenza di una corretta igiene orale, i batteri si accumulano nei solchi gengivali, formando una struttura organizzata chiamata “biofilm batterico” contenente un gran numero di fattori di virulenza che stimolano una risposta infiammatoria locale (rossore, infiammazione, sanguinamento gengivale).
Se non rimossi, questi batteri possono entrare in circolazione e arrivare a colonizzare anche la parte interna dell'utero, quella a contatto con la membrana amniotica; in questi casi se l’esposizione placento-fetale è associata a una risposta infiammatoria del feto può provocare un parto prematuro.
Per ridurre ogni rischio è opportuno pertanto lavarsi i denti prestando particolare attenzione alla pulizia del margine gengivale, usare il filo interdentale, seguire una dieta bilanciata e eseguire regolari controlli dal dentista.

La visita odontoiatrica in gravidanza

igiene orale gravidanza

La prevenzione prima e durante la gravidanza risulta pertanto fondamentale per tenere sotto controllo la salute orale della futura mamma al fine di preservare anche la salute dentale del nascituro.
Le statistiche confermano infatti che controlli periodici dal dentista durante i nove mesi prevengono le complicanze sopraccitate e riducono inoltre i rischi di carie nei futuri dei dentini del bambino.
Un corretto approccio medico - paziente in stato di gravidanza prevede che sia l’odontoiatra sia la gestante tengano in considerazione le particolari condizioni fisiologiche che caratterizzano ciascun trimestre di gravidanza.

1° Trimestre

  • eseguire una visita odontoiatrica di controllo;
  • porre la massima attenzione all’igiene orale domiciliare;
  • evitare la somministrazione di farmaci, le radiografie e le anestesie;
  • seguire una corretta e bilanciata alimentazione.

2° Trimestre

  • eseguire la pulizia dei denti professionale (detartrasi) dal dentista e, se indicate, terapie semplici;
  • il dentista si preoccuperà di limitare la durata di ciascuna seduta, di eseguire radiografie solo se strettamente necessarie e con tutte le dovute precauzioni;
  • assumere farmaci eventualmente necessari solo su prescrizione del dentista in accordo con il ginecologo curante.

3° Trimestre

  • eseguire terapie solo se strettamente necessarie, posticipando le cure meno urgenti al termine della gravidanza;
  • dopo il parto eseguire nuovamente sia il controllo dal dentista sia l’ablazione del tartaro.
ODONTOAESTHETICS | 841, Residenza Sassi - 20080 Basiglio (MI) - Italia | P.I. 04346620968 | Tel. +39 02 36549315 | info@odontoaesthetics.it | Informazioni legali | Privacy | Cookie Policy
Powered by  Pagine Gialle  -  SmartSite